La sacra Scrittura

parola di Dio attraverso l'umano

introduzione

i problemi relativi alla Bibbia

Per i cristiani la Sacra Scrittura, o Bibbia, è parola di Dio, cioè sono dei testi in cui Dio, il Mistero che fa tutte le cose, si è rivelato, ha rivelato, ha comunicato qualcosa (di Sé, di ciò che Lui è e di ciò che lui desidera da noi) che non sarebbe stato altrimenti accessibile, che non ci sarebbe stato possibile conoscere basandoci solo sulla nostra ragione, sulla nostre capacità conoscitive “naturali”.

Per capire correttamente il concetto cristiano di rivelazione biblica è utile tener presente la differenza, tutt'altro che trascurabile, tra come il cristianesimo intende il suo Testo sacro, la Bibbia, e come l'Islam intende il suo testo sacro, il Corano:

per l'islam infatti il Corano è stato dettato da Dio, parola per parola (al punto che alcuni sostengono che le stesse traduzioni del Corano dall'arabo originario sarebbero qualcosa di illecito, di alterante);

per il cristianesimo invece il testo sacro, la Sacra Scrittura non è stata dettata, ma, molto meno impegnativamente, è semplicemente stata ispirata da Dio.

Questo significa, tra l'altro, che

  1. La Rivelazione, la comunicazione di Sé che il Mistero ha fatto all'umanità, precede ed è più grande del testo sacro.
  2. lo strumento umano, di cui il Mistero si è servito per comunicare con noi, per rivelarsi, ha una sua parte nella modalità di “produzione” del testo.

Cominciamo dal primo punto:

1. la Rivelazione precede ed è maggiore del Testo Sacro

La Rivelazione, per il cristianesimo (ma in fondo anche per l'ebraismo) non comincia con la stesura di un testo. Ma consiste anzitutto in avvenimenti in cui il Mistero si è fatto incontro, e quindi si è fatto conoscere dall'uomo.

Si potrebbe dire che la Rivelazione (soprannaturale del Mistero) è un fatto. Di cui il testo è anzitutto e soprattutto testimonianza

Ma Dio comincia rivelarsi già nel fatto che Abramo e Mosé vengano chiamati e compiano le opere che solo Dio poteva loro permettere di compiere: già quella è una rivelazione, senza la quale la stesura di un testo (sacro, relativo a tali vicende, reali e storiche) non avrebbe potuto accadere. Dio comincia a rivelarsi, e nel modo più forte, già nel fatto che Cristo operi in modo umanamente inspiegabile, e poi sia crocefisso e risorga: già quella è rivelazione. E anche in quel caso, senza tali fatti nessun testo avrebbe potuto essere scritto da un autore sacro.

Anche perché il Nuovo Testamento, che è la parte suprema della Sacra Scrittura è essenzialmente testimonianza, documentazione di un Fatto, di fatti reali, storicamente avvenuti.

L'autore sacro (colui che materialmente scrive il testo sacro) viene interiormente ispirato da Dio, ma si avvale anche di tutto il “materiale” conoscitivo di cui dispone, traendolo dal suo contesto storico, dalla realtà (“esterna”) da lui immediatamente conosciuta; ad esempio, nel caso dell'Antico Testamento, la stessa vita del popolo eletto e in particolare delle persone “più vicine” a Dio, i ricordi tramandati nella memoria della gente e simili fattori storici. E nel caso dei Vangeli, l'autore sacro si avvale di ciò che i suoi occhi hanno visto (per usare il lessico della prima lettera di San Giovanni) e/o di cui ha potuto parlare con testimoni oculari del Fatto di Cristo.


Gli esempi sin qui fatti riguardano essenzialmente il libri storici (come il Pentateuco, o i Vangeli e gli Atti degli Apostoli), ma qualcosa di analogo lo si potrebbe dire anche dei libri sapienziali (come i Salmi, o le lettere di San Paolo): le indicazioni sapienziali contenute nella Bibbia infatti non possono derivare solo da una ispirazione interiore totalmente separata dall'esperienza reale, quotidiana, che l'autore sacro faceva, grazie anche alla sua partecipazione alla vita del popolo, il popolo eletto prima, e la comunità cristiana poi. È probabile perciò che si debba parlare di una convergenza tra


Un discorso un po' diverso potrebbe riguarda la terza tipologia di libri biblici, quelli profetici. Lì è indubbio che la componente interiore acquisti un ruolo preponderante. Anche se, anche lì, un autore sacro non poteva che trovare conferma del carattere non allucinatorio delle sue ispirazioni interiori dalla sua immanenza alla vita del popolo e dal suo rapporto con chi, nel popolo, era più evidentemente “uomo di Dio”. Non sarebbe insomma stato immaginabile un profeta totalmente separato dal popolo. E in secondo luogo il linguaggio con cui il profeta veterotestamentario esprime ciò che interiormente gli è stato suggerito è comunque condizionato dal suo contesto storico, e dalla necessità di tradurre in immagini che il popolo possa capire.

Analogamente il libro profetico neotestamentario, l'Apocalisse, se non può certo essere ridotto a una ingegnosa costruzione umana (se ne parla in questa pagina), non può nemmeno essere compreso staccandolo totalmente dal contesto, storico-ecclesiale, in cui San Giovanni scrive ciò che gli è stato interiormente ispirato.

E veniamo così al secondo punto: la parte dello “strumento umano”, la parte dell'umanità dell'autore sacro.

2. La parte dell'umano nella stesura del testo sacro

Se il testo sacro non è stato dettato, ma semplicemente ispirato (dove, come si è detto, l'ispirazione interiore non è totalmente indipendente dall'esperienza reale, quotidiana con il “mondo esterno”, con il contesto storico in cui l'autore è immerso), allora l'autore sacro ha una sua parte nel modo con cui il testo viene scritto.

Il che non toglie che la Bibbia sia realmente “parola di Dio”, ma evita di intendere tale espressione in modo meccanico. In particolare aiuta ad evitare quello che si chiama letteralismo, ossia il prendere “alla lettera” tutto ciò, parola per parola, che è scritto nella Bibbia. L'autore sacro è al tempo stesso ispirato (interiormente) da Dio e condizionato dalla sua appartenenza a un dato contesto storico.

E questo vale, ovviamente, anzitutto e soprattutto per l'Antico Testamento. Il caso più clamoroso è il racconto della creazione nella Genesi. È stato un errore, quello fatto da alcune personalità ecclesiastiche, di intendere in senso letterale la creazione di Adamo dal fango. Un errore che ha portato e ancora porta molti credenti a negare l'evoluzionismo per motivi teologici, a-priori. Così come è stato un errore richiamarsi al senso letterale di un passo biblico, la frase di Giosuè “fermati o sole”, per negare l'eliocentrismo.

Considerazioni analoghe le si possono fare anche su diverse indicazioni pratiche dell'Antico Testamento (che in alcuni libri prevede la pena capitale o l'emarginazione sociale per fenomeni che oggi possiamo considerare come innocui).

Per il Nuovo Testamento il pericolo del letteralismo è senza paragone meno presente. Anzi, una certa riflessione teologica corre il rischio esattamente opposto. Ad esempio quando nega che la Risurrezione di Cristo sia stata un evento reale, e che una persona presente nel cenacolo con gli Apostoli, nelle Sue apparizioni post-pasquali, non avrebbe potuto vedere, senza la fede, il Risorto.

3. I ”sensi” della Sacra Scrittura

Si deve al teologo dei primi secoli Origene una prima sistematica teorizzazione che non vi è un solo senso nella Sacra Scrittura, quello cioè letterale, ma vi sono anche dei sensi spirituali, ossia quelli allegorico, quello morale e quello anagogico.

E dopo di lui sono fiorite, in autori spirituali e teologi dei commenti a passi biblici che appunto cercano di cogliere, oltre il senso letterale, dei sensi simbolici.

Così,ad esempio, il passaggio del mar Rosso da parte del popolo ebraico, è stato spesso visto non solo come evento reale, ma anche come un simbolo: della Resurrezione di Cristo, o del cambiamento di vita reso possibile dalla Grazia di Cristo, o del passaggio finale della realtà materiale dalla attuale condizione di caducità alla trasfigurazione definitiva nella vita senza fine in Cristo.

O così nella manna che nutriva il popolo ebraico nel deserto, è stato visto il simbolo dell'Eucarestia, pane dal Cielo, che nutre nel cammino attraverso le prove della vita presente.

Si può proseguire con una pagina su problemi interpretativi particolari.

📚 Bibliografia essenziale

Articoli

📖 Testi on-line

testi del Magistero sulla Bibbia